Polaris nel Monregalese

Polaris e il Consorzio Socio Assistenziale del Monregalese realizzano sul territorio un progetto che propone interventi socio-educativi, riparativi e di responsabilizzazione e attività di prevenzione. Grazie alle nuove tecnologie coinvolge un territorio di 28 comuni molto variegato.

 

Polaris nel territorio monregalese è un progetto realizzato dal Consorzio Socio-Assistenziale del Monregalese. Interviene principalmente in due aree:

 

1. INTERVENTI SOCIO-EDUCATIVI, RIPARATIVI E DI RESPONSABILIZZAZIONE

Nello specifico si tratta di interventi educativi rivolti ai minori sottoposti a procedimento penale per i quali il Giudice ha disposto una messa alla prova (MAP), un’attività di utilità sociale (AUS) o dei procedimenti alternativi alla detenzione.

Questi interventi si accompagnano della ricerca ed attivazione delle risorse disponibili ad avviare percorsi di MAP e AUS, concentrandosi sulla messa in rete degli attori che già agiscono sul territorio. Infatti la novità con Polaris è la sperimentazione di nuove prassi condivise tra tutti gli attori coinvolti: per esempio attivando un operatore di riferimento unico che individua la risorsa, monitora l’AUS e gestisce i rapporti tra Ente Gestore e USSM.

Al fine di favorire il confronto tra gli operatori degli Enti Gestori della Provincia di Cuneo si propone la realizzazione di  incontri periodici in cui condividere le criticità e le risorse.

L’idea alla base del progetto è  condivider le prassi innovative con tutti gli organi istituzionali al fine di sperimentare nuovi modelli organizzativi.

Tra le novità più innovative c’è una proposta sulla gestione dei trasporti al fine di valutare l’opportunità di inserire questa attività tra quelle istituzionali. I trasporti dovranno essere garantiti da un Educatore Professionale perché considerati parte integrante dell’intervento ripartivo e non mero trasferimento.

 

2. INTERVENTI DI PREVENZIONE

Per quest’area sono previsti due progetti specifici: il progetto connessi@mondovi.it, finanziato dalla Fondazione CRC, e il progetto Cantieri Creattivi, finanziato con fondi propri del CSSM.

All’interno di questi progetti si prevede di :

  • Ampliare o creare nuovi spazi aggregativi e di lavoro educativo all’interno delle scuole per sviluppare e nello stesso tempo sperimentare nuovi modelli di lavoro con gli adolescenti.
  • Utilizzare le attività preventive ( come ad esempio gli spazi aggregativi  dei giovani), quali risorse di socializzazione ed integrazione, anche per i minori già inseriti nell’ambito penale minorile.
  • Implementare e rafforzare la rete di partner per innovare i servizi attualmente offerti.
  • Aumentare le partnership territoriali, al fine di creare un effetto moltiplicatore delle opportunità e delle collaborazioni.
  • Ampliare il target dei partecipanti al progetto, per offrire spazi educativi in base alle differenti fasce di età includendo i minori sottoposti a procedimento penale.
  • Agganciare precocemente i minori a forte rischio di devianza.
  • Utilizzare e sperimentare modalità che prevedano il coinvolgimento attivo dei ragazzi, anche quelli sottoposti a misura penale, al fine di attivarne il potenziale.

Il Consorzio per i servizi socio assistenziali del Monregalese (CSSM), costituito da 28 Comuni (Mondovì, Dogliani, San Michele, Villanova, Carrù, Belvedere Langhe, Briaglia Frabosa Soprana, Bastia, Bonvicino, Monasterolo C., Frabosa Sottana, Clavesana, Farigliano, Montaldo M., Pianfei, Magliano, Lequio Tanaro   Niella Tanaro, Monastero Vasco, Piozzo, Somano, Pamparato, Roccaforte, Rocca de' Baldi, Robourent, Torre Mondovì, Vicoforte) è l’ente giuridico che governa il sistema locale degli interventi sociali per conto dei comuni consorziati.